Iscriviti

Convenzioni

Social

12 Apr 2021

Blog Post

RIFORMA MEDICINA DEL TERRITORIO. GIULIANO (UGL SALUTE): “PROPOSTE TARDIVE CHE NON METTONO AL CENTRO DEL PROGETTO I LAVORATORI. BASTA CON IL PRECARIATO”
Comunicati stampa, Nazionali

RIFORMA MEDICINA DEL TERRITORIO. GIULIANO (UGL SALUTE): “PROPOSTE TARDIVE CHE NON METTONO AL CENTRO DEL PROGETTO I LAVORATORI. BASTA CON IL PRECARIATO” 

L’illustrazione alla Commissione Salute del Senato delle linee guida del Ministero della Salute per la riforma della Medicina del Territorio è stata presentata dal Direttore Generale della programmazione Andrea Urbani. Si tratta di progetti che verrebbero finanziati con i fondi del Recovery Fund. “Sentire parlare di quattro caposaldi come il potenziamento della assistenza domiciliare, l’implementazione di strutture di riferimento come le Case di comunità, il rafforzamento degli Ospedali di comunità e l’aggiornamento degli standard delle RSA è certamente positivo” dice Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Salute. “Ma riteniamo questa programmazione assolutamente in ritardo rispetto ai bisogni del paese e dei cittadini. Serviva pensarci tanto tempo prima, quando la salute italiana è stata invece saccheggiata e depauperata da tagli indiscriminati tanto da farsi poi trovare completamente impreparata a fronteggiare un’emergenza come quella dell’epidemia da Covid-19″. La proposta della UGL Salute è quella mettere al centro di un rilancio del SSN i lavoratori. “Sulla carta quanto pensato è molto bello, però senza la base su cui costruire fondamenta solide sarà impossibile cambiare rotta. Serve un piano assunzionale forte, che spazzi via quel precariato che, in quanto tale, non può dare alcun futuro e che invece è stato largamente utilizzato come dimostrato dai 33.857 precari assunti nel periodo dell’emergenza di cui 6.958 medici, 15.618 infermieri cui si aggiungono 11.281 unità di altro personale. Chiediamo ancora una volta, prima di ogni cosa, assunzioni con forme di contratto a tempo indeterminato degli operatori saluteri anche se è evidente come la strada intrapresa fino a oggi sia diametralmente opposta. Senza nuovo personale formato, tutelato e protetto non si può costruire alcun futuro”. 

print

Related posts